Via Angera 3, 20125 Milano 02 6696355 - 02 6696313 info@mag2.it  Finanza etica e solidale!

Monza, 26 Novembre 2011 - Sala conferenze de "Il cittadino"

L'idea di riflettere sul tema del lavoro all'inizio di questo millennio richiede disincanto, coraggio, ed un pizzico di utopia. Se si potesse uscire dal campo delle certezze consolidate, sul piano economico, valoriale ed antropologico, avremmo una nuova chance per guardare al tema del lavoro "decostruendo" da un lato la sua sacralità ed ineluttabilità e tornando ad abitare gli spazi interiori ma anche sociali della felicità, della realizzazione dell'uomo e, soprattutto, della sua dignità. Per questo siamo rimasti colpiti dalla riflessione che ci viene dal Blog "Il volo del calabrone", nella quale un gruppo di amici, alcuni sindacalisti di lungo corso, si interroga in maniera inedita sul tema del lavoro oggi e dei suoi annessi, in primis la globalizzazione.

Pensiamo ad un utile confronto tra due mondi in crisi:

L'Economia Solidale, che in Italia è ancora residuale, pressoché una testimonianza, vive una CRISI DI CRESCITA: i GAS si moltiplicano in modo spesso tumultuoso ed ambiguo, i media spesso confondono il mondo del consumo critico e consapevole come una scorciatoia per scampare la crisi ed il caro vita; da un lato si attivano progetti e percorsi altamente innovativi, che prefigurano nuovi stili di vita ed un diverso modello di sviluppo; d'altro canto questo mondo fatica a confrontarsi con i macro-temi ed i macro-numeri ad essi legati (si pensi alla crisi, la disoccupazione, la coesione sociale, povertà e vulnerabilità crescenti, la fiscalità, il welfare,......)

Il Sindacato, che da un lato è portatore di grandi narrazioni e di una grande capacità organizzativa, dall'altro perde, come sabbia che scivola tra le dita, l'oggetto principale della sua missione, il lavoro. Un lavoro che si fa precario, indefinito, sfuggevole e non più vettore di speranza, di sicurezza e di futuro. Si trova a gestire un conflitto generazionale neanche troppo latente tra il mondo dei "diritti acquisiti" (che, peraltro, gli garantisce il sostentamento ed esige una coerente rappresentanza) e quello dei "diritti mancati", a cominciare dal lavoro stesso. La difficile opera di tessitura di una solidarietà tra questi mondi unita alla difficoltà di aprire un profondo ripensamento sul modello di sviluppo, mantiene le grandi organizzazioni Sindacali del '900 ancorate ai miti della crescita illimitata e della difesa dell'occupazione, anche a prescindere dall'output, dai costi sociali ed ambientali dei frutti, spesso velenosi, del lavoro oggi.

Due difficoltà, Reti di Economia Solidale (DES Brianza) e Sindacato, che si incontrano, si confrontano e si lasciano interrogare da qualche pensiero alto, per capire se vi possano essere percorsi comuni o almeno paralleli per cominciare a "Vivere DEL lavoro, non PER il lavoro".

0
0
0
s2sdefault
Arcinvalle, Distretto di Economia Solidale Valli Brembana e Imagna, Gruppi di Acquisto Solidale di Villa d'Almè, Brembilla e Valle Brembanavi invitano a due serate  sul tema delle
Energie Rinnovabili e
Risparmio Energetico
 
 
Giovedì 20 Ottobre ore 20,45
-Energie Rinnovabili: quali sono? Quanto rendono?
-Risparmio energetico ed efficienza: come ridurre le nostre richieste energetiche
Intervengono: Mario Agostinelli (Chimico-Fisico CCR di Ispra), Roberto Meregalli (Esperto di Energie Alternative, Beati i Costruttori di Pace), Adriano Pirotta (Progettista Civile ed Urbanista).
Coordina Giuseppe Farinella (“Energia Felice”).
 
Giovedì 27 Ottobre ore 20,45
-Energia dal sole: Fotovoltaico e Solare Termico
-Gruppi di Acquisto Fotovoltaico: cosa sono?
-Finanza Etica ed Energie Rinnovabili
Intervengono: Maurizio Colleoni (Punto Rosso Fotovoltaico), Riccardo Vivo (Solare Termico Progetto Habitat), Patrizio Monticelli (MAG2Finance Cooperativa Finanziaria Solidale)
 
Gli incontri si terranno a Villa d'Almè, presso la Cascina del Ronco, in Via Ronco Basso 13
Promuovono l'iniziativa: Cooperativa "Lumaca" - Almenno; "Tavola della Pace" Valle Brembana; UGC CISL; Centro di Etica e Educazione Ambientale "Cascina Gervasoni"- S.Giov.Bianco; Cooperativa "Ostello dei Tasso 2010"- Camerata Cornello

 

0
0
0
s2sdefault

La crisi finanziaria continua a produrre effetti profondamente negativi sull'economia reale, il sistema del welfare, il benessere delle persone.

Conoscerne i meccanismi e saper orientare le proprie scelte verso una finanza responsabile diventa uno strumento indispensabile per la cittadinanza attiva.

Proponiamo a voi socie, soci e lettori, alcuni approfondimenti. In particolare, una nuova sezione del sito di Banca Popolare Etica, di cui siamo soci fondatori, dedicata alla crisi che ha investito l'Italia in questi giorni. Un tentativo di offrire, attraverso la voce di esperti, operatori, docenti universitari, contributi alla lettura di un processo complesso, quello della finanza e della speculazione finanziaria, che a partire dal 2008 ha dato il via a quella che è stata definita la "tempesta perfetta". Leggi qui.

Troverete anche numerosi articoli sulla tassa alle transazioni finanziarie, campagna Zero Zero Cinque, di cui siamo tra i promotori. Leggi qui.

E se ripudiassimo il debito?

Gli articoli di Francuccio Gesualdi e di Sbilanciamoci sul sito di AltrEconomia (rivista e cooperativa di cui siamo soci) forniscono ulteriori spunti di riflessione.

Scrive Gesualdi: trovo assurdo che stiamo zitti mentre a Roma stanno demolendo servizi, sicurezza sociale e beni comuni in nome del debito pubblico. La mia opinione è che se proprio dobbiamo andare verso il pareggio di bilancio dobbiamo farlo tassando i redditi alti, organizzando seriamente la lotta all'evasione fiscale, impedendo la fuga dei capitali nei paradisi fiscali, riducendo le spese militari, ritirandoci dalle missioni colonialistiche, riducendo gli stipendi degli eletti, eliminando gli sprechi di palazzo. Continua qui.

0
0
0
s2sdefault

Spazi di gioco e di riflessione per capire meglio il rapporto che ognuno di noi ha con il proprio e altrui denaro

La finanza mutualistica e solidale oltre ad essere uno strumento concreto di finanza alternativa propone percorsi culturali di riflessioni sul denaro e sull'uso che ne facciamo. Buona parte dei nostri incontri giornalieri ci mettono in contatto con il denaro: da andare a fare la spesa a ricevere lo stipendio o pagare le bollette o un debito. Le nostre scelte sono spesso condizionate dalla sua presenza o assenza. Perché quindi non fermarsi a riflettere su qual è il rapporto che abbiamo con il nostro e altrui denaro?! Un'occasione per smascherare alcuni dei nostri comportamenti nei confronti dei soldi e provare a fare chiarezza per compiere scelte più consapevoli e che ci portino maggiore benessere.

Laboratorio su denaro, tempo e lavoro - Sabato 17 Novembre dalle 14,30 alle 19 a Peschiera Borromeo
Nella mia vita è vero che il "il tempo è denaro"? Quali conseguenze ha questa risposta sulla qualità della mia vita? E se il tempo e denaro non avessero nessun collegamento cosa accadrebbe?
Max partecipanti 20. Il laboratorio ha un costo di 10 euro a partecipante. Iscrizione obbligatoria entro il 15 Novembre 2012.
Per informazioni e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure 338/5891162

Spazi di gioco e di riflessione per capire meglio il rapporto

che ognuno di noi ha con il proprio e altrui denaro

Â

Â

La finanza mutualistica e solidale oltre ad essere uno strumento concreto di finanza alternativa propone percorsi culturali di riflessioni sul denaro e sull'uso che ne facciamo.

Buona parte dei nostri incontri giornalieri ci mettono in contatto con il denaro: da andare a fare la spesa a ricevere lo stipendio o pagare le bollette o un debito. Le nostre scelte sono spesso condizionate dalla sua presenza o assenza. Perché quindi non fermarsi a riflettere su qual è il rapporto che abbiamo con il nostro e altrui denaro?! Un’occasione per smascherare alcuni dei nostri

comportamenti nei confronti dei soldi e provare a fare chiarezza per compiere scelte più consapevoli e che ci portino maggiore benessere.

Â

0
0
0
s2sdefault

Mag2 Finance

Via Angera 3, 20125 Milano
tel. 02 6696355 - 02 6696313
fax 02 6696313
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - web: www.mag2.it
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Banca Popolare Etica IBAN:
IT50V0501801600000010000230
Codice Fiscale, Partita Iva e Numero di iscrizione
Registro Imprese di Milano: 06739160155
REA CCIAA MI 1128083 UIC 15563
Iscrizione ALBO COOP.M.P. n. A140292
Elenco ex art. 111 TUB matricola 7
codice meccanografico 31339

Cerca